JAPAN “Quiet life” (1979)

Japan_Quiet_Life.jpgConsiderati da più parti “Adolescent sex” come uno degli esordi più scialbi mai registrati ed il successivo “Obscure alternatives” quale sterile tentativo di recupero, i Japan tentano la carta del terzo fatidico album confortati dalla recente produzione Moroder-iana di “Life in Tokyo”, singolo dai confortanti risultati commerciali (in Giappone soprattutto ma anche nel Vecchio Continente), pubblicando “Quiet Life” che, rispetto alla pochezza dei dischi sopraccitati rappresenta senz’altro un miglioramento, ma è ancora lontano dal costituire l’affondo decisivo.

Eleganza+Elettronica+Estetica (le tre E fondamentali dei Japan) ed una produzione affidata ad uno che di Glamour se ne intende_John Punter già produttore dei Roxy Music_ sono gli ingredienti di una musica imbevuta di romanticismo decadente e formalmente perfetta ma anche avara di emozioni.

Si intravede qualcosa nella title track, nella notturna “In Vogue” e nella rilettura (piuttosto soporifera) di “All Tomorrow’s parties”, ma è ancora troppo poco.

 

 

Anto (1979)

 

 

 

 

Tracks:

  1. “Quiet Life” –

  2. “Fall in Love with Me”

  3. “Despair”

  4. “In Vogue”

  5. “Halloween”

  6. “All Tomorrow’s Parties”

  7. “Alien”

  8. “The Other Side of Life”

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *